Risana le 5 ferite del cuore

Solara in giugno ispira Gioia
Domenica 23 giugno – vigilia di San Giovanni: evento a numero chiuso.
Secondo la tradizione, la notte di San Giovanni è magica ed è un momento unico per bruciare nel fuoco le ferite che ostacolano il nostro cammino gioioso.
Iniziamo alle 10 con una passeggiata dolce nel bosco per la connessione con la Terra Madre, la raccolta delle erbe propiziatorie e dell’acqua di sorgente.
Prepareremo l’essenza energetica del “Cammino Gioioso” aggiungendo al “Solara Rescue 21” la preziosa “Mater Solea di Achillea” , che è maturata durante un lungo anno, aspettando questo momento. L’achillea veniva usata per curare le ferite e proteggere dalle negatività: i Celti la usavano nelle cerimonie per purificare luoghi e persone. Questa essenza sarà a disposizione di chi partecipa all’evento.
Ci saranno momenti di condivisione e di pratiche dove la scienza incontra la magia degli antichi saperi, quando bastava la connessione con i ritmi naturali per sentire ciò che poi è stato confermato nell’era dei microscopi elettronici.
Prepareremo la ciotola dei “fiori di San Giovanni” con l’acqua di sorgente e l’acqua Diamante a simboleggiare le intenzioni di rinascita, la Luna che si sposa col fuoco del Sole, e bruceremo nel fuoco le ferite che ci ostacolano nel nostro Cammino Gioioso.
Il contributo richiesto per questa giornata comprende una bottiglietta di essenza del “Cammino Gioioso” che vi accompagnerà nei successivi 21 giorni.
Cosa portare: forbici o coltellino e cestello per raccogliere le erbe, cappellino e scarpe adeguate, cibo in condivisione per il pranzo e una bottiglia vuota per ricevere in dono l’acqua Diamante.
E’ importante prenotare entro il 18 giugno, è un evento a numero chiuso!
Scrivere a lucedisolara@gmail.com . Vi sarà inviate una email di conferma con info logistiche.

Kimchi e fermentazione in collina

Solara è una casa di sasso sull’Appennino Tosco-romagnolo in provincia di Forlì-Cesena, a 800 metri di altitudine, affacciata sulla valle come un balcone naturale.
In giugno è un tripudio di farfalle e lucciole, di lavande e di fiori spontanei, di uccelli ed erbe nei sentieri del bosco. Aspettare San Giovanni a Solara, mentre il Vulcanello occhieggia nella vallata sottostante, è un appuntamento irrinunciabile.
Ed eccovi la prima nostra proposta:
Sabato 22 giugno: a Solara facciamo il Kimchi!
Una vera immersione nel mondo della fermentazione, consigliata anche a chi ancora non ne conosce le modalità e le eccellenti proprietà risananti, per corpo e mente.
Faremo insieme il Kimchi: una ricetta coreana che sta spopolando per bontà e per i suoi salutari effetti sull’equilibrio del nostro microbioma intestinale.
Iniziamo alle 10 alternando teoria e pratica e terminiamo alle 18 circa, con un intervallo di pranzo che sarà in condivisione (ognuno porta qualcosa da mettere sul tavolo).
Portare cappello per il sole, scarpe adeguate, una taglierina e il vostro coltello per tagliare le verdure e un vaso di vetro da mezzo litro (tipo quelli normalmente usati per il miele).
Le verdure e i condimenti per un buon kimchi li procuriamo noi e sono compresi nella quota di partecipazione..
Il contributo richiesto per questa straordinaria giornata in collina comprende: kimchi, parte teorica su fermentazione delle verdure, kefir, kombucha e cenni di fermentazione tailandese, ricette e documentazione.
Occorre prenotare entro il 18 giugno, per le preparazioni necessarie. (email a lucedisolara@gmail.com o 347 9289838).

“La zuba sera, dal si agl’ot”

“La zuba sera, dal si agl’ot”
(il giovedì sera, dalle sei alle otto)
Trebbi gustosi in fermento

all’Ecomuseo delle Erbe Palustri – Villanova di Bagnacavallo (Ra)

“Se vuoi stare meglio mangia un po’ di cibi fermentati ogni giorno” ce l’ha detto il dottore!
L’obiettivo dei trebbi in fermento è preparare insieme questi cibi e assaggiarli per capire che sono buoni e facili da fare!
Non mancherà una piccola parte teorica per comprendere l’importanza fondamentale dell’equilibrio della flora batterica intestinale per una vita in salute e per illustrare le ricette per una corretta fermentazione casalinga. 
Insieme riapriremo una finestra su uno straordinario mondo: i cibi fermentati sono antichi come l’uomo ed oggi la scienza ci dice che in realtà hanno effetti così positivi sulla salute così positivi sulla salute da essere all’attenzione di medici e chef!

7 marzo – I cavoli nostri: facciamo la giardiniera, contorno ideale, gustoso e salutare.

per questa prima serata i partecipanti sono invitati a portare un vasetto di vetro col tappo per la conservazione e un coltello da verdure. Ciascuno porterà a casa la propria preparazione, la dispensa e la ricetta.
14 marzo – yogurt e formaggio spalmabile di kefir di latte, a basso contenuto di lattosio. Utilizzabile in mille modi fantasiosi, sia dolce che salato. Una miniera di fermenti lattici vivi!
21 marzo – Trebbo di primavera con spumantino di fiori eduli e qualche loveria in tema.
28 marzo – Pagnottelle e biscotti con farine di grani antichi e salsine fermentate
Vi accompagneranno:
Mariella  – Studiosa e Membro di Ferment Academy.  Co-fondatrice del progetto “I pilastri della salute” con Luce di Solara per diffondere  le tecniche di fermentazione e la consapevolezza di come sia alla portata di tutti migliorare la qualità della vita grazie ai microrganismi buoni.
Federico – ingegnere-chef , dopo una esperienza all’estero è tornato in Romagna dove collabora con Slow-food e altre realtà importanti per proporre una cucina che parte dalle tradizioni con un accurato studio delle materie prime naturali e delle nuove tecnologie.

Partecipanti max 15 minimo 8
iscrizione obbligatoria tel. 0545 47122 oppure mail erbepalustri.associazione@gmail.com

La pratica della fermentazione  kombucha e Kefir di latte: passo per passo INSIEME

La pratica della fermentazione 
kombucha e Kefir di latte: passo per passo INSIEME

Domenica 20 gennaio 2019
Presso la nostra abitazione 
a Villanova di Bagnacavallo (Ra)
dalle 15 alle 17:30
Visto l’entusiasmo e la marea di domande pratiche, specialmente su kefir e kombucha, che sono scaturite al termine del workshop di fermentazione, in questo incontro faremo passo per passo la pratica di preparazione Kefir di latte, formaggio spalmabile senza lattosio, bevanda di kombucha.
Dono madri di Kefir di latte, di acqua e di kombucha finchè ce n’è. Max posti per 15 persone! info tel. 347 9289838 oppure mail lucedisolara@gmail.com

Ravenna Fermenta

“RAVENNA FERMENTA: i cibi fermentati – la Vita che alimenta la Vita” 
presso Fraternità San Damiano,

Via Oberdan, 6 – Ravenna

Alimentarsi significa dare modo all’organismo di vivere.
Non si tratta solamente di un apporto energetico in senso stretto, ma di una relazione con la vita che ci circonda, con il nostro mondo.
Molti cibi fermentati si possono ottenere con metodi semplici e casalinghi, utilizzati un tempo in ogni casa.
I laboratori permetteranno di entrare nell’affascinante mondo dei cibi fermentati e di fare varie esperienze in questo campo.
Per accedere ai laboratori è necessaria l’iscrizione al costo di €. 15,00 cadauno.
Informazioni ed iscrizioni: Daniela 3386215630
L’occorrente da portare sarà concordato all’atto dell’iscrizione di ogni singolo laboratorio,
APPUNTAMENTI:
12/gen/2019: le bevande probiotiche: Kombucha, Kefir e spumantino.
26/gen/2019: il Kefir di latte: autoproduzione e usi in cucina.
02/mar/2019: la fermentazione tailandese: un concentrato di batteri buoni per l’uomo e l’ambiente (prima parte).
16/mar/2019: la fermentazione tailandese: un concentrato di batteri buoni per l’uomo e l’ambiente (seconda parte).
30/mar/2019: l’alimentazione probiotica: come usare i fermenti in cucina (con assaggi)

https://www.facebook.com/events/282016725953050

Gli alimenti fermentati per la vita in salute

L’alimentazione e la prevenzione: 
con il contributo del Dr. Guido Balestra
(prevenzione cardiologica di Forlì)

Domenica 13 gennaio 2019
Presso l’ecomuseo delle erbe palustri
a Villanova di Bagnacavallo (Ra)
dalle 10 alle 17:30
Questo workshop ha lo scopo di informare i partecipanti quanto sia importante per la salute di bambini ed adulti una sana alimentazione con particolare riferimento ai cibi fermentati e al ruolo vitale che i microrganismi hanno nella vita e nella salute. Grazie alla fermentazione si ottengono gustosissimi cibi, più digeribili e utili per  il buon funzionamento dell’organismo e per rinforzare il sistema immunitario.
Il programma:
Al mattino ci sarà la parte sanitaria, condotta dal dr. Guido Balestra, medico cardiologo con laurea in scienza dell’alimentazione.
Nell’intervallo  potrete gustare un pranzo vegano, senza glutine, ricco di prodotti fermentati a cura della chef Giulia Pieri.
Seguirà un laboratorio di fermentazione casalinga, facile e adatta a tutti, a cura di Giulia Pieri e Mariella Dalpozzo. Vedremo nella pratica alcuni esempi, tra cui crauti e verdure lattofermentate, kefir e kombucha.
I partecipanti che lo desiderano, potranno portare  l’occorrente per autoprodurre le proprie verdure lattofermentate:  un coltello, un tagliere, un vasetto di vetro di almeno 500 ml. Sarebbe utile una terrina capiente per mescolare le verdure e una bilancia da cucina. 
Le verdure fresche, i granuli Tibicos e scoby di kombucha saranno offerti ai partecipanti che vorranno iniziare l’autoproduzione. 

Tutor:

Il Dott. Guido Balestra (Fc) si laurea in medicina a Bologna nel 1971; successivamente si specializza in Cardiologia a Ferrara nel 1974 e in Scienze dell’Alimentazione a Modena nel 1982. 
Altre info qui: 

Giulia Pieri è chef specializzata in cucina vegetale integrale  probiotica.
https://www.facebook.com/GiuliaPieriChef/   
Mariella Dalpozzo (ass. Luce di Solara): membro di Ferment Academy,  divulgatrice del progetto “I fermenti per la Vita”.  
 https://www.facebook.com/pg/Lucedisolara
 www.lucedisolara.com
 L’evento si svolgerà all’Ecomuseo delle Erbe Palustri, Via Ungaretti, 1 – 48012 Villanova di Bagnacavallo (Ra) info qui
Costo a partecipante € 60 (workshop + pranzo crudista + dispensa con ricette)
Info e prenotazioni:  lucedisolara@gmail.com – 347 928 9838; –  giulia_pieri@yahoo.it  – 347 760 0188  
 info su facebook clicca qui 

I fermenti e i batteri probiotici: guida scientifica all’autoproduzione per la salute, l’igiene personale e la bellezza

Corso sui fermentati tailandesi  
FerVida modulo base – aperto a tutti gli interessati
Con la Dott.ssa Carmen Ruello
(Biologa molecolare)

  • Il mondo dei Microorganismi e il loro ruolo fondamentale per la salute e l’equilibrio dell’intero ecosistema
  • La fermentazione tailandese Nam Mak: aspetti teorici, medico-biologici, agroalimentari, farmaceutici ed ecologici
  • La fitocosmesi, i detergenti per la pulizia dei nostri ambienti e l’alimentazione probiotica

Sabato 18 agosto  e domenica 19 agosto 2018
a Villanova di Bagnacavallo (Ra)
N.B.: le due giornate di corso sono identiche, pertanto ci si prenoterà per l’una o per l’altra giornata – i corsi sono a numero chiuso

 
Ogni giornata sarà così strutturata:
09:00-13:00

  • Basi teoriche delle Fermentazioni spontanee
  • La fermentazione tailandese Nam Mak
  • L’importanza dei corretti rapporti ponderali
  • Ruolo biologico dei Microrganismi nell’Ecosistema
  • Ruolo biologico dei Microrganismi nel cosiddetto Ambiente Interno
     

Pausa pranzo – Le domande potranno essere effettuate alla ripresa dei lavori, ore 15:30, prima dell’avvio del laboratorio pratico.
15:30-18:00

  • Laboratorio pratico
  • Allestimento terreno coltura per FerVìda
  • Separazione delle tre fasi di un FerVìda maturo
  • Differenti utilizzi di ciascuna fase
  • Preparazione crema base


La dott.ssa Carmen Ruello è docente di Chimica Generale ed Inorganica, Chimica Organica e Biologica, Botanica presso la Scuola di Naturopatia del distaccamento messinese del Centro Studi Discipline Bionaturali. Altre info qui: https://ecovortex.oneminutesite.it/chi_siamo.html
Si prenota scrivendo alla mail: lucedisolara@gmail.com vi saranno fornite tutte le indicazioni logistiche ed amministrative del caso.
Dato il numero esiguo di posti disponibili non è considerata iscritta la persona che si prenota solo sull’evento Facebook.


Oggi la scienza ci dice che i batteri dell’intestino possono influenzare i nostri desideri di cibo e anche la nostra situazione emozionale. La buona notizia è che si può fare molto! Un’occasione per  apprendere da una persona titolata, competente ed esperta in materia  i concetti base della fermentazione e conoscere le incredibili proprietà benefiche dei fermenti e le salutari interazioni  con il nostro  microbioma intestinale


 
 N.B.: i posti sono limitati – affrettatevi!

L’aria dolce di Solara

Ricevo adesso da una amica che ha partecipato allo scorso laboratorio di fermentazione a Solara.

Mi scrive: “…è verissimo, Solara rimane nel cuore. E’ un posto meraviglioso, un piacere per gli occhi e anche per il naso!! L’aria è cosi profumata li da voi.”

Grazie Amica bella 

 (la foto è di S.P.)

L’intestino e la salute: “Tutte le malattie hanno origine dall’intestino.” (Ippocrate 460-370 a.C.)

Oggi la scienza ci dice che i batteri dell’intestino possono influenzare i nostri desideri di cibo e anche la nostra situazione emozionale. La buona notizia è che si può fare molto! Se ancora non conosci questo mondo meraviglioso o se desideri approfondire, prosegui nella lettura.

Laboratori pratici – 14 e/o 15 luglio a Solara (Tredozio – Fc) all’ombra di un pergolato in collina

N.B.: le due giornate sono indipendenti, è possibile partecipare anche ad una sola.

La proposta è:
sabato 14 dalle 16 alle 19 (e oltre se volete condividere la cena al fresco; se volete restare per la notte, proseguite nella lettura). Faremo insieme la fermentazione selvaggia di verdure (singola verdura oppure giardiniera, a piacere). Nel giro di una quindicina di giorni il contenuto del vostro vasetto sarà pronto per essere gustato, un pò tutti i giorni come gradevole contorno o condimento per i vostri piatti estivi, con gioia del palato e dell’intestino. Scoprirete da soli i benefici di questi buoni alimenti. 
domenica 15 dalle 9:30 alle 18:30:fermentazione tailandese o Fervida, con passeggiata per raccogliere ciò che la Natura sta offrendo a larghe mani in questo angolo di Paradiso. Questo tipo di fermentazione è un metodo antichissimo, orientato all’autoproduzione di fermenti che, a vari livelli di maturazione, sono quanto di meglio per le pulizie della casa a inquinamento zero anzi, sono benefici per l’ambiente. Avrete certamente sentito parlare dell’utilizzo dei microrganismi per tale scopo: bene, qui imparerete come farli da soli ad un costo veramente irrisorio. Possono anche essere usati come fertilizzanti nell’orto, invece dei concimi chimici. Le gelatine sono una base ineguagliabile per l’autoproduzione di creme cosmetiche e curative e, dulcis in fundo, come eccellenti probiotici per l’equilibrio dell’intestino. 

Cosa portare:
Per la fermentazione selvaggia che si farà sabato: portate la/le verdure che intendete fermentare, fresche e più naturali possibile (es. carote, cipolle, sedano, tutti i tipi di cavolo, fagiolini, topinambur, sedano-rapa…come prima fermentazione si consiglia di evitare verdure molto “acquose” tipo zucchine, cetrioli, pomodori).
Per la domenica non portate verdure, faremo Fervida di erbe spontanee: il territorio èincontaminato, siamo ai confini del parco del Casentino e qui non ci sono trattamenti chimici o pesticidi, quindi possiamo raccogliere ciò che troviamo in Natura. Ecco alcune piante che abbiamo visto durante la passeggiata nello scorso fine settimana: la piantaggine (un vecchio detto della tradizione popolare dice: ”La via per la piantaggine è più vicina di quella per il medico”),l’achillea (regina dei prati di Solara e molto cara al nostro gruppo di fermentatori), la profumatissima menta, il timo selvaticola malva, le foglie di rovo, il trifoglio, l’iperico scacciadiavoli….ma non scordiamo e non sottovalutiamo l’equiseto, la nostra pianta della gioventù che ora è nel periodo balsamico ed è uno dei fermenti che non dovrebbero mancare nella casa di ogni fermentatore. Ognuno si lascia ispirare da ciò che la pianta gli trasmette e sceglie quale erba o fiore fermentare, con l’aiuto di una propedeutica parte teorica.
Possiamo fare anche un vasetto di erbe aromatiche latto-fermentate con salamoia, o con le verdure che più ci piacciono!

  • vaso di vetro da 1 kg a chiusura ermetica: uno per il sabato e uno per la domenica
  •  una ciotola per mescolare le verdure
  •  taglierina e coltello
  •  bilancina da cucina
  •  possibilmente una borsa termica, se dovete fare un lungo viaggio al caldo
  •  forbici da giardino per la raccolta
  • qualche vasetto piccolo, per l’ispirazione dell’ultimo minuto! 
  • una bottiglietta, se si desidera ricevere in dono  l’acqua Diamante.
  • una felpa: le temperature sono normalmente più fresche, soprattutto nelle ore serali
  • per le passeggiate: scarpe adeguate, copricapo. Un bastone da trekking è consigliato.
  • Una pila per chi si ferma la notte tra sabato e domenica.
  • cibo e bevande in condivisione.

 In loco troverete:

  • per la giardiniera: erbe aromatiche di Solara, starter e sale integrale
  • per Fervida: erbe spontanee da raccogliere, aceto, acqua demineralizzata, zucchero.  


 
 N.B.: per motivi organizzativi si richiede la prenotazione entro giovedì 12 luglio!